Per poter visualizzare tutti i contenuti è necessario avere la versione attuale di Adobe Flash Player.

Homepage la Farandola News Eventi RICRE@RTE SCARABOCCHIO CARBONCINO ASTRATTA BAMBINI RICREARTE LABORATORI ANNUI NEWS TEATRO 2016 UCI UCI2 10 dicembre arte corsi  YOGA 2016/2017 seminario poggio maggio 17 2 OTTOBRE 2015 2 OTTOBRE ALLIEVI 2016 Evento 2006 Evento 2007 2007 dettaglio Evento 2008 2008 dettaglio Evento 2009 2009 dettaglio massimi 2009 VIDEO Eventi2010 2010 dettaglio 2010 dettaglio2 2010 dettaglio3 Eventi2011 2011 dettaglio 2011 dettaglio2 2011 dettaglio3 2011dettaglio 4 BENIGNI 2011 VIDEO Eventi2012 2012 dettaglio  ARA2012 Eventi2013 Eventi 2014 dicembre arte 2015 Andrea Pazienza Immagino...racconto PERTINI PERTINI 1 inaugurazione PERTINI 19 tavola rotonda 7 dicembre arte 8dicembre arte Laboratorio di Pittura 

Andrea Pazienza

Il 27 marzo 2014 si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’evento “Un segno indelebile”… Andrea Pazienza nelle scuole, la manifestazione che rientra nella programmazione del 2014 dell’Associazione Culturale “La Farandola” ha visto la partecipazione delle scuole di Roma e Provincia che hanno aderito al Bando di Concorso, Dirigenti Scolastici, Docenti e l’immancabile pubblico delle grandi occasioni. L’Istituzione era rappresentata dal Presidente del V Municipio di Roma Capitale Giammarco Palmieri, il quale ha definito l’evento che sarà inaugurato tra pochi giorni, probabilmente la più importante manifestazione che si svolgerà in Italia durante l’arco dell’anno per contenuti artistici e di fumetto. Questo sottolinea il Palmieri è avvenuto grazie alla straordinaria rete di comunicazione che l’Associazione Culturale “La Farandola” è riuscita a fare, coinvolgendo la famiglia di Andrea, nello specifico la sorella Mariella Pazienza, la quale viene ringraziata personalmente per la sensibilità con cui ha favorito la realizzazione della mostra dando la più totale disponibilità. Il Palmieri si sofferma su considerazioni personali ma profonde inerenti alle opere di Andrea, che hanno segnato in lui una parte importante della sua formazione personale tardo adolescenziale. Mette in risalto una convergenza di pensiero con l’Associazione Culturale ”La Farandola” finalizzata alla realizzazione di questa mostra. L’idea aggiunge, nasce precedentemente, esattamente nel 2013, durante l’evento dedicato a Sandro Pertini, quando invitato a una tavola rotonda nel parlare del Capo dello Stato, in lui si è materializzata la figura di Andrea Pazienza, in particolare aggiunge quell’immagine fumettistica che ritrae Pertini che osserva l’Italia dalle Alpi alla Sicilia…con una frase simpatica e a oggi appropriata…Mah !! speriamo bene…Il Palmieri conclude il suo intervento definendo Andrea Pazienza uno dei più grandi artisti del XX secolo, le sue opere ancora oggi sono studiate e ricercate questo a conferma di quanto sia apprezzato. L’intervento del Direttore Artistico dell’Associazione Franco Massimi, è mirato a evidenziare l’importanza dell’arte nelle scuole soprattutto a indirizzo artistico, la dimostrazione di ciò è l’impegno con cui lui in primis cura i laboratori cercando di affascinare i ragazzi in un qualcosa che li conquisti emotivamente, gli dia una carica propositiva che solo chi vive quotidianamente di questo capisce. Prendendo spunto dal titolo del Bando di Concorso il Massimi esterna, un concetto… “nel disegno ritengo che il tratto o il segno più è deciso e più anima e rende reale quello che si vuole rappresentare”. È una riflessione attenta e ponderata di quello che, di fatto, ha applicato nella sua vita Andrea Pazienza diventandone il maestro. In questo caso specifico il tema del Bando di Concorso, aggiunge il Massimi è stato suddiviso in due parti, per le scuole secondarie di 1° grado (medie, inteso come gruppi di lavoro) si richiede di elaborare con il loro senso umoristico, un fumetto ispirandosi a loro stessi e/o a persone accanto a loro. Per gli istituti di 2° grado, la creazione di un’illustrazione che rappresenti un personaggio del cinema o del teatro di ieri, attraverso la propria fantasia e ironia, il tutto finalizzato ad un ipotetico manifesto. Termina il suo intervento evidenziando che solo attraverso una dedizione completa al disegno, i ragazzi possono raggiungere obiettivi e risultati apprezzabili dal punto di vista artistico. Alla conferenza stampa era presente il Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Luca Ghini” di Roma Carla Mazzocchi, la quale oltre a sottolineare il lavoro sul territorio dal punto di vista culturale che sta svolgendo il Presidente Palmieri, evince ancora una volta le iniziative proposte dall’Associazione Culturale “La Farandola” sempre attenta nel coinvolgimento degli Istituti Scolastici non solo territoriali. Il Bando di Concorso su Pazienza conclude la Mazzocchi, ha coinvolto i suoi alunni in maniera passionale facendogli scoprire la realtà del fumetto disegnato e raccontato da loro in prima persona. L’intervento del Presidente dell’Associazione Culturale “La Farandola” Romina De Cesaris, è finalizzato nel riassumere i tanti eventi di spessore culturale proposti nel nostro territorio ormai da tempo, seguiti sempre con grande attenzione dall’affezionato pubblico. La De Cesaris illustra in grandi linee il percorso espositivo della mostra, senza entrare ovviamente nei particolari salienti, invitando i presenti all’inaugurazione il giorno 4 aprile 2014. Aggiunge inoltre, che al termine della mostra che durerà un mese, saranno esposti tutti gli elaborati artistici dei ragazzi che hanno partecipato al Bando, questo a conferma di quanto sia stato curato nei dettagli non solo l’evento. Tra il pubblico in rappresentanza del Vice Presidente dell’Assemblea Capitolina On. Franco Marino c’era la Dott.ssa Anna Blasi, nel suo intervento oltre che i saluti dell’Onorevole, mette in risalto il pregio della manifestazione e la presenza di allievi delle scuole non solo territoriali, questo conferma ancora di più che l’Amministrazione Centrale guarda con interesse tali iniziative culturali di così alto valore. Il 4 aprile 2014 alle ore 11.00, al cospetto degli alunni dei numerosi Istituti Scolastici di Roma e Provincia accompagnati dai Dirigenti Scolastici, Docenti e, dall’immancabile folto gruppo di pubblico e associati che seguono perennemente il programma artistico dell’Associazione Culturale “La Farandola”, si è ufficialmente inaugurata la mostra “Un segno indelebile”…Andrea Pazienza nelle scuole. Quello che colpisce percorrendo a piedi il viale che porta all’ingresso principale della sede espositiva, è la presenza di tanti ragazzi di scuola che con entusiasmo commentano tra loro gli elaborati che stanno proponendo inerenti al Bando di Concorso che li vede partecipare. Ci si rende conto incamminandosi che il brusio che giunge è di compiacimento e di ammirazione verso Andrea Pazienza, amato dai giovani per le sue doti artistiche e di creatività. Non è un paradosso, ma la cultura non si vive solo nel cuore della città ma anche nelle zone limitrofe e, oggi questo è la dimostrazione. Il taglio del nastro, effettuato congiuntamente dalla mamma di Andrea Pazienza Sig.ra Giuliana Di Critico e, dal Presidente del V Municipio di Roma Capitale Giammarco Palmieri ci introduce emozionandoci non poco in un mondo che per un attimo sembra surreale. Si nota all’ingresso della mostra, come l’Associazione abbia curato tutto in ogni dettaglio: dall’accoglienza alla pannellistica, dall’illuminazione al materiale informativo questo, di fatto, conferma che per fare tante cose che ci vuole in primis la passione. Sono esposti (su gentile concessione di Mariella e Michele Pazienza) manifesti, scritti, fotografie, copertine di dischi e un video. È un percorso itinerante che permette di ripercorrere l’infanzia dell’artista, dai primi disegni scolastici, fino alla maturità, con vere e proprie storie di fumetti. Dopo una breve introduzione del Vice Presidente dell’Associazione Culturale “La Farandola” che mette in risalto quanto sia stato complesso e faticoso riuscire a unire le tante sinergie coinvolte, è bello sentire dalla Sig.ra Di Critico i racconti dell’infanzia del figlio Andrea, la voglia di creare sin da piccolo, il suo primo disegno, un piccolo orso che poi lei ha accompagnato con una frase, questo perché non era in grado ancora di scrivere. È un tornare indietro nel tempo, si commuove la Sig.ra Giuliana ma davanti a tanti ragazzi è come rivedere per un attimo la figura di Andrea. Ricorda con commozione il momento in cui lascia la famiglia per trasferirsi a Pescara a studiare, la genialità, la voglia di creare, è il messaggio propositivo che vuole dare a tutte le persone che in questa giornata stanno ripercorrendo la vita artistica del figlio. Presente anche la sorella Mariella Pazienza, è lei che poi, di fatto, ha permesso la realizzazione di questo evento, guidando con esperienza e saggezza i vari processi evolutivi della Mostra. Mariella parla anche in nome del fratello Michele, ringraziando tutti i presenti per la partecipazione all’evento, anche in lei trapela commozione nel ricordare Andrea, nel vedere le tante cose esposte, durante il filmato è come se il tempo si fosse fermato e i ricordi fossero realtà. La conclusione è del Presidente Palmieri, il quale nel ringraziare i famigliari di Andrea e l’Associazione, rimane colpito da quanta affluenza ci sia per un’inaugurazione fatta per giunta in un giorno feriale. Viene da lui stesso apprezzata la suddivisione del percorso artistico, i pannelli raffiguranti i primi disegni delle scuole elementari, la sezione dedicata ai manifesti, le copertine dei dischi…..è anche per me tutta una scoperta…dichiara al termine della lunga mattinata. Il giorno 8 maggio 2014 si è svolto l’ultimo atto di questo evento culturale così ricco di contenuti non solo artistici, che ha visto la presenza degli Istituti Scolastici che hanno partecipato al Bando di Concorso accompagnati da Dirigenti Scolastici e Docenti. Il pubblico è stato quello delle grandi occasioni anche perché oggi si consegnano le Borse di Studio, che l’Associazione Culturale “La Farandola” ha voluto donare ai migliori dieci elaborati artistici giudicati precedentemente da una apposita commissione. Questo per dimostrare ancora una volta quanto queste iniziative possano aiutare la crescita sia artistica che umana delle nuove generazioni in prospettiva futura.L’incontro culturale (che ha preceduto la premiazione) ha avuto come spunto proprio il titolo del Bando di Concorso “Immagino… racconto il mio fumetto”, il Vice Presidente dell’Associazione Culturale “La Farandola” dopo una breve relazione sull’andamento a oggi della mostra, l’affluenza, e l’interesse che si è creato intorno all’evento proposto grazie all’aiuto in primis della Mariella Pazienza, passa alla presentazione dei personaggi coinvolti in questo incontro. Michela Di Biase (Presidente Commissione Cultura, Politiche Giovanili e Lavoro), Giammarco Palmieri (Presidente Municipio V ex VI e VII di Roma Capitale), Nunzia Castello (Assessore alla Cultura e Scuola V Municipio ex VI e VII di Roma Capitale), Luca Raffaelli (Giornalista, Saggista e Sceneggiatore italiano esperto di fumetti e animazione), Franco Massimi (Direttore Artistico dell’Associazione Culturale “La Farandola”), Wanda Giacomini (Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo” Largo Cocconi” di Roma) e Carla Mazzocchi (Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Luca Ghini” di Roma). Il primo intervento è del Raffaelli, a lui la frase... “ i cartoni non fanno solo ridere o meravigliare. Ai cartoni si può credere”. Ha conosciuto personalmente Andrea Pazienza, vivendo altresì la trasformazione negli anni ’70 del fumetto che proprio in quel periodo usciva dai canoni tradizionali della semplice “storia narrata”. Pazienza di fatto ha rivoluzionato il mondo del fumetto, raccontando intimamente se stesso attraverso le sue storie disegnate e le sue vignette. Il fumetto, aggiunge, è uno strumento di liberazione che si ha dentro, ed è proprio in questa sede, dove l’arte non si espone solo, ma si realizza, è di fatto uno splendido messaggio per tutti. Termina il suo intervento lanciando l’idea di creare in questo spazio così ricco di vita una “biblioteca del fumetto”. L’intervento della Di Biase è legato a una domanda che le è posta: Il comune di Roma, cosa vuole fare, e quali sono le eventuali proposte culturali rivolte alle ex periferie? La sua risposta è certamente propositiva e costruttiva e definisce l’area dell’attuale Municipio in assoluto dopo il centro storico, il polo archeologico più importante non solo di Roma ma d’Italia. La sua estensione parte da Porta Maggiore fino al quartiere Alessandrino il così detto “Percorso Costantiniano”. La Di Biase dichiara, che attraverso i Fondi Europei si possono valorizzare siti archeologici in questo territorio come il parco archeologico di Centocelle. Conclude il suo intervento lodando l’ottimo lavoro svolto dall’Associazione, aggiungendo che queste iniziative di così alto spessore culturale sono un pregio per le Istituzioni. Il Palmieri evidenzia la partecipazione entusiasta al Bando di Concorso dei tanti studenti, segno che l’idea, di rappresentare tramite il fumetto il loro modo personale di creatività è una cosa che a lui stesso facente parte della commissione che ha giudicato i lavori l’ha colpito molto. Evidenzia la ricchezza culturale di questo territorio, la dimostrazione è l’apertura recente delle Catacombe dei Santi Marcellino e Pietro e, la prossima apertura del museo all’interno del Mausoleo di S. Elena. Palmieri termina affermando di essere onorato di vivere e amministrare un territorio così straordinario e importante che è stato negli anni anche scenario di film d’immenso spessore quale “Roma Città Aperta” di Rossellini e, dove Pasolini ha raccontato con grande maestria la realtà di questi quartieri. Nell’intervento della Castello si evidenzia in maniera chiara quanto lei stessa creda fortemente a una sinergia tra Istituzioni, Associazionismo e, Istituti Scolastici questo allo scopo di aiutare e favorire la crescita dei ragazzi. È fondamentale aggiunge, conoscere le Associazioni del territorio che collaborano in ambito scolastico e, verificare se il lavoro da loro effettuato possa rispondere alle esigenze dei Dirigenti Scolastici, questo anche allo scopo di verificare che il tutto possa essere di beneficio stesso all’istituzione che li ospita. La Castello, aggiunge come sia assai interessante proporre iniziative culturali che coinvolgono le associazioni in spazi istituzionali, citando come la stessa “Casa della Cultura” a Villa de Santis all’interno del territorio del V Municipio di Roma Capitale, possa essere il punto nevralgico di tale progetto. È certamente un nuovo percorso che l’istituzione e l’assessore in primis vuole fortemente portare avanti e tale iniziativa ha riscontrato tra i presenti un notevole apprezzamento. Il breve intervento del Massimi, è, di fatto, un percorso all’indietro di alcuni momenti salienti vissuti dall’Associazione, ultimo per ordine di tempo la mostra dedicata a Sandro Pertini, ed è proprio in quell’occasione nel vedere alcune vignette e disegni di Pazienza, che si è concretizzata l’idea di proporre l’iniziativa che oggi stiamo vivendo. Lo scopo aggiunge il Massimi, è quello di mettere nei ragazzi “l’adrenalina” necessaria per potersi esprimere artisticamente e, questo accade proprio attraverso la ricerca in primis sul personaggio che negli anni ‘70 e ‘80 ha rivoluzionato il mondo del fumetto e, in parallelo attraverso il tratto, il segno sicuro, sono questi ultimi due gli ingredienti artistici che permettono ai ragazzi di “animare” il disegno. Questo è stato l’intento con cui è nato il Bando e, visto il risultato sia di partecipazione che di contenuti, lui stesso ne è ampiamente soddisfatto. Conclude con una battuta che docenti e alunni presenti gli hanno ripetutamente richiesto:…”Maestro a quando il prossimo Bando artistico?”. L’arte e la creatività posseggono questo potere. L’intervento della Dirigente Scolastica Giacomini, è finalizzato all’occasione che si è presentata per i ragazzi di socializzare e scambiare idee artistiche tra di loro, il tutto seguito dall’attenta guida dei docenti, i quali hanno colto l’occasione per unire gruppi di lavoro nel cimentarsi su questo progetto. Ringrazia sia l’Associazione, che le Istituzioni che hanno reso possibile tutto ciò, augurandosi che in futuro possano presentarsi ulteriori occasioni di collaborazione. La chiusura di questo incontro culturale è stata della Mazzocchi, brillante come sempre la Dirigente Scolastica, sottolinea che lei con il fumetto è cresciuta, per i ragazzi è stata una riscoperta che li ha conquistati, gradualmente, fino a essere completamente partecipi. Questo grazie al lavoro attento e sapiente dei docenti coinvolti. La Mazzocchi, mette anche in risalto come queste Istituzioni Municipali siano attente, collaborative e soprattutto presenti, questo per dimostrare che pur tra le tante difficoltà di quest’accorpamento (VI e VII Municipio) c’è comunque una valida continuità amministrativa. Conclude il suo intervento chiedendo alle Istituzioni di esporre tutti gli elaborati eseguiti dai ragazzi presso “La Casa della Cultura” a Villa de Santis, sarebbe dopo l’esposizione nella Galleria Artistica dell’Associazione “La Farandola”, un altro riconoscimento alle loro qualità. Consegna delle Borse di studio. È stato un “evento all’interno di un altro evento”, dove tra i ragazzi si notavano emozione e curiosità nell’apprendere i nomi dei vincitori del Bando. Sono stati momenti dove si è vista la compattezza delle classi, lo scambio d’idee, la gioia nei loro sguardi…l’Associazione Culturale “La Farandola”…trasmette queste emozioni. Le dieci Borse di studio sono state così distribuite dalla commissione esaminatrice: per le scuole secondarie di primo grado classi III del Municipio di Roma Capitale, Istituto Comprensivo Statale “Largo Cocconi”(due gruppi di lavoro premiati), Istituto Comprensivo Statale “Luca Ghini” (un gruppo di lavoro premiato). Per le scuole secondarie di secondo grado (Istituti artistici e grafici) classi II- III - IV dei Municipi di Roma Capitale e Provincia: Liceo Artistico Statale “Via Ripetta” di Roma (un premio), Istituto d’Istruzione “Antonio Cederna” di Velletri (un premio), Istituto d’Istruzione Superiore Virginia Woolf di Roma (un premio), Liceo Artistico e Istituto d’Arte di Pomezia (un premio), Istituto IV Liceo Artistico Caravillani di Roma (due premi), Istituto Superiore di Ciampino (un premio).

EVENTI in corso dell'Associazione IL NEWS

Clicca qui per elaborare il testo

L'inaugurazione dell’EVENTO “Un segno indelebile”…Andrea Pazienza nelle scuole si è tenuto Il giorno venerdi 4 aprile 2014 alle ore 11.00



"La Farandola"

info: 331.2822212 - 3476674620 tel/fax 06.25209505SEDE: Via Pietro Romualdo Pirotta n° 95 - 00171 Roma

Associazione Culturale



STOP alla musica !